Eredi Bottini Andrea di Roberto Bianchi S.N.C.

Nel 1936 Andrea Bottini e la moglie Rosa aprono la macelleria in Via Briosi 10 che diventa in
brevissimo tempo un punto di riferimento per la zona e sinonimo di carne di qualità.
Negli anni del dopoguerra la bottega si afferma come una delle prime a Milano. Ben presto anche i
figli di Andrea, Guglielmo, Roberto e Maria, entrano nell’attività, imparando i segreti del mestiere
ed apportando il proprio innovativo contributo.
Nel 1967 l’attività, sempre nella stessa sede, piccola ma fornitissima, prende il nome di
“Macelleria eredi Bottini Andrea” con la quale ancora oggi è ben conosciuta nel circondario.
All’inizio degli anni Settanta, l’autentica passione per il lavoro di trattamento delle carni e di
preparazioni pronte per la cottura, porta i due fratelli addirittura ad insegnare all’Università del
Commercio e, anni dopo, a ottenere il riconoscimento del “Vassoio d’Oro” oltre a numerose
segnalazioni su riviste e monografie enogastronomiche.
Oggi la tradizionale qualità e professionalità di questa antica macelleria viene continuata da
Roberto Bianchi, già collaboratore di Roberto e Maria Bottini, che propone carni sceltissime e
anche lavorate in sfiziose preparazioni, pronte per la cottura.

Carminati Angelo

Il panificio noto oggi con l’insegna “Pane e Dolci”, in via Digione 9, all’angolo con Via Washington,
lega il suo nome alla famiglia Carminati a partire dal 1962, quando la società di fatto “Fratelli
Carminati” subentra nel locale di Giuseppe Tenconi.
Ben presto l’attività si trasforma in ditta individuale con la denominazione di "Panificio di
Carminati Pietro" fino al 1966, anno in cui passa ad Angelo, l’attuale titolare. L'impegno e la
passione in questo faticoso mestiere sono stati ampiamente ripagati nel tempo con ambiti
riconoscimenti quali "La michetta d'argento" e "La medaglia d'oro", esposti con orgoglio nel
negozio, ma il vero vanto della famiglia sono i complimenti dei numerosi clienti, i quali apprezzano
il pane, le pizze, le focacce e i dolci sformati ad ogni ora della giorno.
Qualità e innovazione, uniti alla cura del servizio, sono i tratti distintivi di questa storica panetteria.

Vailati Francesco di Vailati Gian Luca e C. Snc

La nascita dell’odierno minimercato Vailati risale al 1951, grazie a Clementina Tacchini, che avvia
un’attività di vendita di alimentari nella frazione di Bolzone, a Ripalta Cremasca, affiancandovi ben
presto anche la panificazione fino al 1973.
E’ quindi nel 1973 che il negozio passa di mano a Francesco Vailati, padre degli attuali titolari, che
vi introduce la vendita di generi di monopolio, proseguita fino al 1998, cessando
momentaneamente quella di panificazione e vendita di alimentari.
Intanto, dal 1992, erano subentrati accanto a Francesco, i figli Gian Luca e Monica. Sono loro a
decidere di riprendere il commercio di pane e generi alimentari al quale si dedicano tuttora,
instancabilmente, sapendo bene di essere un importante punto di riferimento per la piccola
comunità in cui sono inseriti.

Salumeria Vailati di Vailati Antonio e Massimo snc

La storia della salumeria della famiglia Vailati ha origini lontane, quando nonno Giovanni, detto
Gianì, apre una drogheria dove era possibile trovare prodotti alimentari e non solo.
E’ però nel 1964 che, per iniziativa di Angelo e Maria, genitori degli attuali proprietari, il negozio
diventa definitivamente un’elegante salumeria nello stabile nel frattempo acquistato in Via Roma
22, a Vaiano Cremasco.
L’attività prosegue, così, fino al 1999 quando i figli Antonio e Massimo, dopo anni di esperienza
maturata in alcune salumerie di Milano e Lodi, decidono di proseguire l’impresa storica di famiglia
rinnovando completamente i locali e ampliando l’offerta con prodotti anche di gastronomia.
Oggi la Salumeria Vailati, che vede ancora dietro il banco i due fratelli Antonio e Massimo, è
particolarmente apprezzata per la qualità dei numerosi piatti pronti (famoso il merluzzo fritto), la
disponibilità di oltre 30 tipi di formaggi di provenienza non solo italiana, salumi di origine
controllata, pasta fresca artigianale, nonché per la professionalità e la cura del servizio.

Panetteria Tosi Adriano di Tosi Greta e C. snc

La storia della Panetteria Tosi ha inizio a Cremona nel 1955, quando Giuseppe Tosi rileva l’attività
da Luigi Soregaroli. Nel negozio di via Robolotti 48, insieme a Giuseppe si avvicendano dapprima
alcuni dipendenti e, appena possibile, anche i figli Adriano e Roberto. Negli anni Ottanta i locali
vengono ristrutturati mantenendo le tre vetrine all’angolo con via Aselli, in cui fanno bella mostra
di sé gustosi dolciumi come la torta Paradiso, la torta Sbrisolosa, le crostate, il Bussolano, i
Bombonini, tutti realizzati con dosi e ingredienti delle proprie ricette tradizionali.
Nel 1984 si avvicendano dietro il banco anche Danila Magnani ed Esterina Molinari, le mogli dei
due fratelli. Nel volgere degli anni, oltre a proporre ai propri clienti diversi prodotti da forno
artigianali, la Panetteria Tosi amplia la propria offerta con una selezione di sughi, paste, sott'oli,
latticini, salumi e formaggi. Nel 2009, venuto a mancare Adriano, l’ultimo titolare, subentra nella
gestione del negozio la figlia Greta che, affiancata dalla madre Danila, prosegue con orgoglio
l’attività di famiglia, conservando gelosamente le apprezzate ricette apprese dal nonno Giuseppe
ma anche continuando a rinnovarsi per rispondere ai mutamenti delle esigenze della clientela.

DELL’ORO PATRIZIA

Pietro Gilardi è figlio di un cuoco e basso di statura, per questa ragione a
Olginate lo chiamano Pierino Cughetto, ovvero “piccolo cuoco”. È lui che all’età di 28 anni apre il
panificio in via Redaelli, all’epoca via Vittorio Emanuele II.
Pierino gestirà il panificio per ben 42 anni, fino al 1958, con l’aiuto dei figli Luigi ed Ezio che lo
rileveranno per gestirlo fino al 1976. Poi sarà la volta di Armando, figlio di Ezio, che porterà avanti
l’attività del nonno fino alla fine del 1985.
Patrizia Dell’Oro subentra nel 1986, alla panificazione unisce la vendita di generi alimentari,
collaborando con il marito Roberto e altre due persone.
Nonostante i tempi che cambiando, le esigenze della clientela sempre differenti, Patrizia e Roberto
si impegnano quotidianamente a mantenere vive le antiche tradizioni.

Belli Massimo

Massimo Belli gestisce con dedizione una lunga tradizione di famiglia: il negozio, infatti, nasce nel 1956 grazie alla mamma Armanda che, con il supporto del marito Ottorino, apre un’attività di commercio al dettaglio di frutta e verdura. Prima come ambulante, poi come titolare del negozio tuttora aperto in via Libertà, Massimo mantiene da sempre l’identità iniziale data dai suoi genitori, caratterizzata dalla familiarità e disponibilità.