Guenzati s.a.s.

È durante il Ducato di Milano che nel 1768 Giuseppe Guenzati fonda col proprio nome la Ditta Guenzati.

L’azienda sopravvive alla dominazione napoleonica e al Regno Lombardo-Veneto, passando di padre in figlio fino al 1876, anno in cui Rosa Casati Guenzati, passa il testimone ai due fidati dipendenti, Giovanni Battista Tomegno e Luigi Meda. 

Nel 1913 Luigi, costretto a ritirarsi dagli affari, lascia la gestione del negozio a Giovanni Battista che, liquidato il socio, ne assume la completa conduzione inserendovi anche i figli Giuseppe, Domenico e Luigi.

Grazie alla straordinaria professionalità e all’eccellente conoscenza nel campo dei tessuti dimostrate dai fratelli Tomegno, la Ditta Guenzati resiste, caparbiamente, anche ai due successivi conflitti mondiali. L’arredamento ottocentesco porta ancora oggi i segni di quel periodo: le due tacche incise nel bancone centrale di noce nazionale a distanza di 92 centimetri l’una dall’altra, utili a misurare le stoffe in iarde e non coi metri di legno espressi in centimetri, documentano la permanenza dei militari americani nel negozio. 

Con la fine degli anni Sessanta la Ditta Guenzati è ormai un’azienda fortemente affermata e per i milanesi un punto di riferimento di prim’ordine per l’acquisto di tessuti pregiati ma, all’apice della loro carriera e ormai prossimi all’età pensionabile, i fratelli Tomegno decidono di ritirarsi definitivamente dagli affari. 

Nel 1968 cedono infatti le loro quote societarie ai commessi più giovani Vittorio Ragno e Angelo Moretti, che diventano così i nuovi titolari, con la solenne promessa di conservare lo spirito delle origini.

Spinti dal boom economico e dall’apprezzamento in Italia del british style, i due soci danno una nuova impronta alla loro bicentenaria azienda, specializzandosi nei prodotti anglossassoni. Decisione che si rivelerà un enorme successo e caratterizzerà il negozio fino ai giorni nostri, divenendo un punto di riferimento unico nel suo genere in città e non solo. 

Ad oggi il negozio, il più antico di Milano, a due passi dal Duomo ospita un’accurata selezione di tweed, tartan scozzesi, kilt, cappelli, sciarpe, guanti e maglieria di produzione rigorosamente anglosassone da fare invidia agli stessi scozzesi, gestito dal 2010 dal figlio di Vittorio Ragno, Luigi, che, dopo 27 anni di dura “gavetta” come commesso, gestisce oggi con il padre la premiata ditta.

 

Zangani Enrico di Zangani Rosangela & C. S.a.s.

Nel 1950 viene aperto a Soresina in piazza Garibaldi al numero 7 il negozio di abbigliamento Zangani. Le origini dell’attività familiare sono però più lontane: iniziano ai primi del ‘900 come venditori ambulanti di maglieria, poi l’avvio di un piccolo negozio, infine la sede attuale. Ci sono state tre generazioni che hanno lavorato con passione e cortesia, proponendo moda qualità e buon gusto.

F.lli Merlini S.n.c. di Merlini Achille e C.

La moda delle emozioni. Dal 1877 la famiglia Merlini propone una moda fatta di lusso e discrezione, ritmata da emozioni e suggestioni. Con capi raffinati nei

tessuti e ricchi di dettagli sartoriali. Da quattro generazioni accompagna, con gusto ed eleganza, l’evoluzione sociale di Soresina. In un

“viaggio” lungo quasi quanto la storia d’Italia. L’intuizione di aprire un’impresa commerciale fu di Giuseppe Merlini , bisnonno della

attuale responsabile Maria Chiara. Cresciuto in una famiglia di merciai di tessuti, biancheria per la casa e lana per materassi, accumulata

una buona esperienza, decise di intraprendere una attività in proprio. Lo testimonia, con chiarezza, il suo certificato di matrimonio,

nel 1905. Un’ulteriore dimostrazione di come la vita di questa famiglia si intersechi con quella dell’impresa. Accanto al negozio di via

Belgiardino Giuseppe Merlini si interessava anche di commercio ambulante, nei paesi del circondario. Quasi a rimarcare che, in un

periodo di forte evoluzione sociale e culturale «La moda bisogna viverla, bisogna respirarla»; forse una spiegazione del suo bisogno

di stare in mezzo alla gente, per capirne i gusti e i desideri. Tanti sacrifici sono ben ripagati. Nonostante la guerra, nel ’21, riesce a

trasferirsi nella sede di via Genala (la stessa di oggi). Accanto al fondatore lavorano nella azienda anche i figli Alessio Mario ed Enrico.

Finisce anche la seconda guerra mondiale, il mondo corre velocemente e, per servire i comuni intorno a Soresina, la famiglia Merlini

coglie le opportunità della meccanizzazione: abbandona il carretto trainato dai cavalli, acquista una Topolino giardinetta e corre verso il

futuro. Sembra quasi di sentire Paolo Conte: “sulla Topolino (amaranto) / si sta ch’è un incanto nel quarantasei… “. E nel periodo bellico

è arrivato anche Achille Merlini. Terminati gli studi, nel ’68, lontanissimo dai fermenti della contestazione giovanile scelse di continuare

la tradizione famigliare. Cambiano i tempi. E i ritmi di vita. La sartoria su misura diventa di nicchia. Achille con la moglie Graziella

introducono l’abbigliamento uomo – donna. A raccogliere il testimone, nel 2005, è Maria Chiara che, che oggi gestisce il negozio. Se

come dice Tiziano Terzani “il futuro non esiste ma è una scatola vuota in cui metti tutte le tue illusioni”, il presente della famiglia Merlini

contiene l’eredità importante della tradizione e di tanti esempi che hanno fatto della qualità e della passione la linea da seguire per

prepararsi al domani.

Tradati Francesca e Elide S.n.c.

Il negozio fu fondato da Orlando Tradati nel 1821. Inizialmente si occupava della vendita di valigie ed ombrelli. Nel corso di quasi 2 secoli e 5 generazioni i prodotti trattati sono stati molteplici, fino ad arrivare alla scelta di specializzarsi nella vendita di abbigliamento uomo e donna. Oggi gestito da Francesca Lombardo-Tradati, il negozio ha mantenuto l`ingresso e le vetrine originali come nel 1821, ed è un punto di riferimento importante per chi cerca abbigliamento con uno stile raffinato, elegante e di qualità, da indossare in ogni occasione come una ricorrenza o per il quotidiano.

Collaboriamo con marchi come: MaxMara, ASPESI, Incotex, Altea, Marina Yachting, Danolis, Siviglia, Zanone. Curiamo la scelta della merce secondo il gusto della nostra clientela alla quale prestiamo massima attenzione, ricevendo sempre grandi soddisfazioni nel momento in cui ritornando ci ringraziano per essersi sentiti a proprio agio col capo indossato. Nel corso di questi anni ci siamo guadagnati rispetto, credibilità ed i nostri clienti ci scelgono non solo per il prodotto ma anche per la nostra consulenza di stile, la nostra esperienza e la nostra passione per questo mestiere.

Nei primi del 900 l`architetto Antonio Vandone, uno degli esponenti più importanti dello stile Liberty e progettista della Villa Mazzotti di Chiari, fu affezionato cliente essendo un collezionista di bastoni da passeggio: ogni volta che veniva a Chiari per i lavori della villa, non perdeva occasione di acquistarne uno nuovo.

Durante la seconda guerra mondiale, Antonio Tradati nascose una famiglia di Ebrei nel magazzino del negozio, sotto un cumulo di vestiti e valigie, per non farli catturare da un gruppo di fascisti che in quel periodo ispezionava la città.

Old England Caprettini S.r.l.

La storia della famiglia Caprettini inizia nel 1884 quando il fondatore, Luigi Caprettini, bisnonno degli attuali proprietari, Roberto e Rossella, aprì la sua prima attività di vendita di “stoffe, tessuti, lingerie, telerie, cotonerie e lanerie”.

Già a fine ottocento ne aprì una seconda situandola in Piazza del Mercato e chiamandola, appunto, “Al vero buon Mercato”.

Nei primi anni del 1900 i tre figli di Luigi aprirono una terza attività nella centralissima via del Teatro, rinominata in seguito Corso Zanardelli in memoria dell’omonimo statista morto recentemente.

La boutique venne chiamata “Old England” (1904) con l’insegna “biancheria e camiceria” e vendeva: cravatte, colli, guanti e calze, maglieria, fazzoletti, bretelle e giarrettiere, articoli sportivi e per l’automobilista, prendendo a modello lo stile di vita e l’eleganza maschile inglese.

Si tennero anche le prime sfilate di presentazione dei nuovi capi di abbigliamento importati direttamente dall’Inghilterra.

Fu nel 1929 che si raggiunse l’attuale sede di Corso Zanardelli, 8, più ampia e centrale, precedentemente sede di una famosa sartoria bresciana.

Intanto anche l’attività di vendita della bottega “Luigi Caprettini Biancheria” cambiava sede da piazza del Mercato a Corso Palestro cambiando, nel corso dei decenni, numerose sedi, ma anche passaggi di proprietà, pur mantenendo il cognome “Caprettini”, sinonimo, a Brescia, di tradizione, serietà e affidabilità.

Alla morte dei tre fratelli, la proprietà fu ereditata dai figli di uno solo, Adolfo e Giuliana, che si suddivisero le due attività e il patrimonio immobiliare.

La boutique di Corso Zanardelli rimase di proprietà di Adolfo che, alla sua morte nel 1983, passò agli attuali proprietari.

Dal 1970 il negozio ha ampliato la sua offerta aprendo il reparto donna, mantenendo tradizione, classicità e raffinatezza nella scelta dei suoi marchi.

LE vetrine liberty e gli arredi interni sono in gran parte ancora quelli degli anni ’30, mentre il reparto donna è stato ristrutturato nel 2004.

Durante questi lavori di ristrutturazione, sono stati ritrovati dei manifesti murali risalenti alla seconda guerra mondiale e, precisamente, al periodo della Repubblica Sociale Italiana.

Lo stabile era stato infatti requisito dalla X Mas che qui vi installò i suoi uffici di reclutamento.

L’informatizzazione è entrata a far parte della riorganizzazione aziendale, i marchi si sono succeduti nel corso degli anni, ma sempre rispettando l’immagine del negozio.

Serietà e professionalità non sono mai venuti meno così come l’affezionata clientela proveniente da tutta la Provincia.

La visibilità è stata ampliata da un sito web, ed è prevista, in futuro, l’attivazione di un sito di e-commerce.

Una continua ricerca nel panorama della moda ci permette di proporre abbigliamento e accessori di brands che sanno coniugare prestigio, eleganza e qualità.

Personale qualificato, con decenni di esperienza lavorativa nel negozio, mette a disposizione le proprie capacità nell’individuare e rispondere a qualsiasi esigenza dei propri clienti.

Caprettini Old England mette a disposizione, da sempre, un servizio di sartoria su misura con ampia scelta di tessuti pregiati, di marche prestigiose, confezionati con riconosciuta competenza sartoriale, secondo tradizione, ma anche seguendo le tendenze della moda.

La collocazione geografica del negozio, nel cuore del centro storico di Brescia, ne fa un punto di passaggio obbligato dello shopping cittadino.