Macelleria Motta

Giuseppe Motta il 3 febbraio 1964 acquista l’attività di commercio al dettaglio di carne di tutte le specie animali, di Inzago.
Vende carni piemontesi scelte e selezionate da lui, direttamente sul posto presso alcune aziende agricole del Piemonte, provvedendo alla macellazione delle bestie.
Giuseppe partecipa a numerose fiere del bestiame e vince anche primi premi di rilievo (medaglie d’oro), oltre a ottenere l’onorificenza di Cavaliere dell’Ordine al Merito della Repubblica italiana, attribuitagli il 10 marzo 2015.
Nel 2007, Sergio Motta, che lavorava già al fianco del padre, porta avanti l’attività mantenendo invariate tradizione e qualità del prodotto. Per servire prodotti sempre più innovativi e di alta qualità, oltre alle carni fresche, introduce la cottura delle cosce di maiale (prosciutto cotto), la produzione di insaccati e di preparati pronti da cuocere e già cotti.
Con gli anni la Macelleria Motta ottiene successi, rifornendo ristoranti di alto prestigio con cuochi di spessore, come Gualtiero Marchesi e Carlo Cracco.
Nel 2013, Sergio avvia insieme alla moglie un’attività parallela di ristorazione dove si cucinano e si servono le varietà di carni provenienti dalla macelleria, conservate in grandi frigoriferi presenti nel locale.

Macelleria Gastronomia Rusconi

Questo negozio di macelleria apre nel 1960 grazie all’esperienza e alla volontà del titolare e fondatore Mario Rusconi.
Col tempo amplia la sua proposta con la vendita di alimentari, frutta e
verdura.
Nel 1985 il figlio Maurizio dà vita all’attività di gastronomia e catering che migliora ed evolve col passare dei giorni.
La continuità di questa scelta è garantita anche dal contributo di Stefano, figlio di Maurizio, che grazie agli studi intrapresi, ha portato una ventata di innovazione e una serie di proposte come l’organizzazione di banchetti, rinfreschi per cene e feste private, meeting aziendali e menù personalizzati per festività particolari.
Una macelleria, ma anche team di persone dotato di fantasia, cordialità e professionalità, un posto dove riscoprire il piacere dei sapori genuini, degli aromi e del gusto di altri tempi.

Macelleria Freddi “Berti”

Il nome “Bertì” viene dal bisnonno Gilberto, detto Bertì appunto, ma l’attività inizia intorno agli anni Quaranta, quando Mario Freddi, negoziante di bestiame, apre la sua prima macelleria ad Auro di Casto, dove macella le proprie bestie e produce insaccati propri.
Successivamente, negli anni Cinquanta, apre una macelleria al primogenito Gianfranco a Tavernole sul Mella, con annesso macello, e dato che il nome Freddi “Bertì” si stava affermando, nel 1952 avviano una nuova macelleria per il terzogenito Egidio, situata a Lodrino in via Roma, aiutato dalla sorella Rosangela. Poi una terza a Casto, seguita dal quartogenito Sergio.
Oggi l’unica attiva è però quella di Lodrino, gestita dal 2007 da Cristiano, il figlio di Egidio.
Cristiano continua l’attività: acquista bovini vivi e si affida a una macellazione fatta da terzi, col sezionamento delle mezzene, mentre ha mantenuto la produzione di insaccati di carni suine fatti con il metodo tramandato dalla tradizione di famiglia.

Macelleria equina Porta

Questo negozio lega a sé le vite di Francesco Cancarini, Teresa Cancarini, Francesco Ettori, Cesare Porta e Marco Porta.
Negozio che dalle carte del Comune ha cambiato civico dal 13, al 15, al 17 pur restando sempre nello stesso edificio.
Negozio che presto festeggerà i 90 anni di attività. Cosa che mai avrebbe immaginato Francesco Cancarini che trasportava la carne sul suo carro, la stessa che ora arriva dal Canada o dall’Italia in aeroplano.
Oltre a vendere la carne, in negozio si è aggiunta la gastronomia. Offerta integrata da Cesare, con l’aiuto del figlio Marco, fatta di pietanze a base di carne di cavallo e non solo, in grado di sposare innovazione, tradizione e standard qualitativi d’eccellenza, apprezzate anche dai palati più esigenti.

POLLERIA ASTIGIANA

Nel 1951 i coniugi Maddalena Giordana e Luigi Poggio cominciano il loro andirivieni dal Piemonte per portare sulle tavole dei Vigevanesi e di tutti i Lomellini il meglio della tradizione avicunicola sabauda.; La loro attività si svolge inizialmente nei mercati cittadini poi nella bottega nella centralissima via Dante a Vigevano. Maddalena, conosciuta da tutti come la “Sciura Lina”, si ritrova all’improvviso sola con due figlie, in anni in cui la figura della donna non è ancora emancipata, e con fatica e dedizione e con l’aiuto della primogenita Susanna e poi della seconda, Antonella, riesce a farsi ben volere da tutti diventando un punto di riferimento per le carni bianche, non solo per la città, ma per tutta la Lomellina.
Successivamente entrano in forze i generi, detti “i due Piero”, che ammodernano la struttura sia a livello funzionale che gestionale. Arriviamo al 2012, anno in cui uno dei nipoti, Fabio, continua l’attività mantenendo l’impronta originaria, riassumibile in amore per la qualità e rispetto assoluto per il cliente. Una delle tante famiglie italiane che si prodigano per altrettante famiglie, per questo il loro motto rimane: “dal 1951 dalla nostra famiglia alla vostra”.

Macelleria Equina

Umberto Castiglioni inizia a commerciare animali da macello nel primo Dopoguerra. Attorno al 1923 decide di avviare una sua attività di vendita di carne e riesce ad aprire il suo negozio nel 1927. Nel 1941 la figlia Adriana, e nel 1943, il figlio Emilio affiancano il padre sul lavoro.
Nel 1964, in seguito all’abbattimento degli edifici della vecchia piazza San Michele, il negozio si trasferisce ad un isolato di distanza nella sede attuale. Per continuare questa tradizione di famiglia nel maggio del 1975 il figlio di Emilio, Umberto, comincia a lavorare in negozio e ne diventa il titolare nel 1978: la terza generazione che si avvia verso il 90esimo anno di attività.

Macelleria Vassena

Questa storica macelleria è stata aperta negli anni Venti del Novecento da Barbara Fumagalli al civico 20. Nel 1936 il figlio Marco prende in mano la gestione del negozio e cambia il civico del locale in 50. Nel 1964 la ditta Fumagalli cessa di esistere e la gestione del negozio passa a Elio Figini e Emilia Hoffer; contemporaneamente cambia, ancora una volta, il numero civico che diventa il 44, lo stesso di oggi.
Dal 1981 è Luigi Vassena a gestire questa macelleria nel centro di Lecco, con entusiasmo e la consapevolezza di stare in un negozio aperto ormai da quasi un secolo.

Macelleria e Salumeria Ghiggi

La Macelleria e Salumeria Ghiggi apre nel 1932 con Regio Decreto ad opera di Aldo Ghiggi, ex dipendente del famoso salumificio Negroni.
Dopo anni di lavoro coronati da un buon successo commerciale, nel 1950, decide di cambiare sede all’attività per potersi allargare, creando il macello per la macellazione di bovini e suini con la conseguente nascita del salumificio.
Nel 1966 il timone dell’azienda è nelle mani del figlio Anselmo che rinnova l’attività raddoppiando le dimensioni del negozio e aggiungendo la produzione di polli allo spiedo, novità assoluta per quegli anni.
Dal 1990 a portare avanti la macelleria sono i tre figli e la moglie Graziella,
seguendo le abitudini dei consumatori e specializzandosi nella produzione di preparati di carne pronti a cuocere, pur continuando con la produzione dei salumi tipici cremonesi: cotechino, pentola e salame di Castelverde, secondo le vecchie ricette di Aldo. Attirati dalla qualità e dalla produzione di salumi nostrani, consumatori e grande distribuzione mantengono viva questa macelleria così come l’aveva pensata il suo capostipite.

Macelleria Tacchini Davide A.

La macelleria Tacchini nasce nel 1929, quando Ambrogio Tacchini acquista da Michele Meroni, un piccolo negozio di macelleria per mille lire e viene autorizzato dall’allora Podestà, alla macellazione e alla distribuzione di carni fresche;, attività che viene svolta in negozio da Agnese Rusconi, sempre disponibile e pronta ad aiutare le tante persone in difficoltà nei periodi a cavallo tra le due guerre.
Negli anni successivi ad aiutare la mamma, i figli, Gianfranco e Luigi. Proprio Luigi subentrerà nel 1968 come titolare e con il pensionamento lascerà il negozio al figlio, Davide Ambrogio Tacchini, attuale proprietario.
Dal 1929 questa piccola bottega di paese ha clienti che arrivano fino a Milano, per la costanza e l’attenzione messa nel ricercare e lavorare con grande manualità le migliori carni nostrane di produzione locale, nel fare insaccati e salumi di alta qualità, nel commercializzare le migliori produzioni di salumi lombardi, nello scegliere formaggi della Valtellina o di eccellenze italiane e francesi, gli oli italiani, i condimenti, il riso della lomellina e i vini italiani.

Sandrini macelleria salumeria

La quarta generazione dei Sandrini è quella al lavoro presso la Macelleria Sandrini di Morbegno, fondata nel 1925 col nome Sandrini Pietro e F.Ili.
Di generazione in generazione l’attaccamento al lavoro si tramanda di padre in figlio insieme ai “segreti” nelle lavorazioni, indispensabili per giungere a prodotti di massima qualità come bresaole, slinzeghe, salami, cacciatori e altri salumi interamente di produzione interna all’azienda.
Anche se il “segreto” più importante è e resta quello di partire da materie prime, le carni, di assoluta qualità.