Picchiotini Mario

Relazione illustrativa per il riconoscimento di negozio storico

Il negozio MERCERIA PICCHIOTINI MARIO sito in Seregno, viale

Edison 92 vanta una storia familiare di tre generazioni.

Le prime notizie dell’attività risultano dal censimento dove si attesta

che la sig. MARELLI ANNUNCIATA è titolare della merceria dal 07-

05-1913; in seguito come documentato da una nota inviata dal Podestà

al Questore di Milano in data 20-12-1935 contenente l’elenco degli

esercizi autorizzati e per i quali si richiede rinnovo risulta fra le mercerie

l’esercizio della sig. Marelli Annunciata in via Vittorio Emanuele 14,

divenuto in seguito Corso del Popolo 65.

La sig Marelli sposa il sig Picchiotini Carlo Antonio dal quale ha due

figli: Pietro e Domizia che cominciano in tenera età a collaborare

nell’andamento dell’attività. Pietro all’età di 15 anni affianca la mamma

al banco vendita, tanto che nel 1980 viene premiato con la medaglia

d’oro per i 50 anni di onorata carriera. In seguito al conflitto mondiale

Pietro combatte per la patria e le donne continuano l’attività fra mille

difficoltà. Numerosi sono gli aneddoti di quel periodo raccontati dalla

nonna Annunciata: “In tempo di guerra la nostra merceria era l’unica

in cui si vendevano le calze di seta pura, che venivano acquistate dai

militari tedeschi più alti in grado per le loro donne. Il lavoro era tanto

e la giornata si svolgeva tutta tra le mura del negozio che allora aveva

annesso un locale cucina…” Nel ’47 , a fronte dell’aumentato carico di

lavoro l’esercizio si espande, guadagnandosi il primo posto in città nel suo

settore.

Al ritorno dalla guerra Pietro torna in negozio e dopo pochi anni sposa

la sig Conti Giulia che comincia subito a collaborare con la suocera

e la cognata. Sono donne pratiche e presto rendono il negozio il più

conosciuto della Brianza per ricercatezza, eleganza, qualità della merce.

La maglieria e la camiceria oltre alle cravatte e foulard di seta sono

fra i più ricercati della zona, l’assortimento di filati, lane e cotoni, le

passamanerie più ricche, i pizzi francesi e svizzeri, i bottoni più esclusivi,

gli accessori di alta sartoria sono solo alcuni dei numerosi articoli che

nell’elegante negozio di Corso del Popolo la clientela può trovare oltre

alla gentilezza, cortesia e competenza del personale . Nel frattempo la

famiglia Picchiotini si è allargata con la nascita dei tre figli maschi. La sig

Giulia si divide fra la cura dei figli e la presenza in negozio con grande

maestria e si fa apprezzare per la creatività e la grande capacità manuale

nel creare acconciature, applicazioni..

Nel 1968 la sig Marelli Annunciata vende al figlio Pietro ( la sorella

Domizia nel frattempo si è ritirata ) l’attività ma continua ad essere

presente come immagine del negozio: pur in condizioni di salute non buone

che la costringono su una sedia a rotelle, la sig Annunciata continua a

dispensare i suoi preziosi consigli alle clienti.

Il nipote Mario, secondogenito di Pietro e Giulia rivela attitudine per il

commercio, incomincia a collaborare in negozio mentre frequenta una

scuola per vetrinisti, si diploma e comincia a prestare la sua opera in vari

negozi della Brianza. Ma la famiglia lo richiede come presenza fissa e così

comincia dal 1973 come coadiutore , diventando titolare dell’impresa dal

1983.

L’attività è sempre rimasta in Corso del Popolo ma l’affitto troppo alto

e la voglia di farsi strada, convincono Mario, aiutato dalla moglie Carla,

a acquistare l’immobile in Viale Edison 92, sede dell’attuale attività.

Nel gennaio 1985 , anno della memorabile nevicata, il negozio Merceria

Picchiotini dopo più di 70 anni in centro, trasloca nella nuova sede con

tanti dubbi, perplessità ma con entusiasmo per la nuova impresa.

I genitori Giulia e Pietro presto seguono il figlio, trasferendosi anche con

l’abitazione e continuano a prestare la loro preziosa opera finchè la salute

li sostiene.

Mario continua la tradizione offrendo alla clientela qualità e

assortimento, basti pensare ai 250 cassetti di bottoni… ma da buon

imprenditore capisce che bisogna “innovare” per seguire i tempi. Comincia

così a specializzarsi in riparazioni, facendosi presto conoscere come “il

re della lampo”. Fra le sue mani poche sono le lampo che gli “ resistono” e

con la caparbietà che lo contraddistingue compie spesso “ miracoli” come

testimoniano le sue affezionate clienti.

Nel giugno 2007 Mario viene premiato alla Scala di Milano per la sua

attività,con il riconoscimento della Camera di Commercio nell’ambito del

premio “ Milano Produttiva”.

Il 22 luglio 2013 il sig Picchiotini ha ricevuto il riconoscimento di

“ Negozio Storico” dalle mani del presidente della Regione Lombardia

Roberto Maroni.

A ottobre 2013 la clientela è stata invitata a festeggiare i 100 anni alla

presenza del sindaco come pubblicato nelle cronache locali ( Il Cittadino

Monza e Brianza e Il giornale di Seregno.