Panificio Luraschi Cesare

Il Panificio nasce nel 1955 sotto la guida di Cesare Luraschi, aiutato dalla moglie Maria e, poco tempo dopo, dai figli Roberto e Erminio.
Il primo laboratorio sorge nel centro cittadino di Busto Arsizio, lì produce pane all’ingrosso, per alcune rivendite di generi alimentari e per i primi supermercati della città.
All’inizio degli anni Sessanta l’incremento della produzione porta la famiglia Luraschi a prendere in considerazione l’idea di trasferire l’attività in un laboratorio più ampio e accogliente, che viene realizzato nel 1964.
A fronte di tante richieste Cesare attrezza il locale accanto al laboratorio con un arredo in metallo, molto moderno per l’epoca, per la vendita diretta al pubblico.
In quegli anni Roberto e Erminio decidono di cambiare i metodi di impasto e cottura del pane francese riuscendo a produrne una quantità maggiore e mantenendo la stessa qualità: pane caldo al mattino e pomeriggio con il celebre ‘francesone” a farla da padrone, una pagnotta di circa 400 g. da affettare e facile da conservare anche la domenica seguente. La scelta fu vincente e la stessa ricetta è utilizzata ancora oggi per i bastoni francesi, che negli anni hanno progressivamente sostituito quasi completamente il francesone.
Dagli anni Novanta, il venerdì sera, questo negozio diventa una vera e propria tappa fissa delle nottate dei giovani della zona di Busto Arsizio e non solo.
Roberto ed Erminio continuano nella ricerca delle migliori materie prime, nel rispetto dei lenti processi naturali di lievitazione e nel fare “da sempre, come una volta.”

Gilardoni S.n.c. di Gallandra L. & C.

ORIGINI E STORIA

La storia del Panificio Pasticceria Gilardoni nasce nel 1861, data con cui condivide l’onore di un momento storico importante: l’Unità d’Italia.

A quell’epoca Luigi Gilardoni conduceva l’unico forno per la produzione del pane presente nel paese. Tutta la famiglia era coinvolta nell’attività e tutto il paese acquistava il pane nel “prestino” Gilardoni.

Nel 1900, quarant’anni dopo, con Onorato Gilardoni, si iniziò a sfornare i primi dolci. Uno dei figli di Onorato fu mandato a Milano per perfezionarsi presso una prestigiosa pasticceria meneghina con l’intento di dare impulso e sviluppo a questo nuovo ramo dell’azienda di famiglia.

L’iniziativa ebbe successo e la pasticceria Gilardoni all’inizio del Novecento poteva offrire alla sua clientela una produzione artigianale apprezzata per gusto, varietà e qualità.

Da allora cinque generazioni hanno condotto nel tempo la tradizione, l’arte, la qualità dei prodotti e soprattutto l’insostituibile esperienza tramandata.

La sede è rimasta invariata dall’inizio della sua attività (1861). Si trova in una piazza del centro storico di Mandello del Lario, un paese che offre al visitatore il bel paesaggio del lago di Como e il massiccio delle Grigne alle spalle.

L’edificio, come documentano le mappe del catasto Teresiano, era già presente nel 1763. Fu acquistato da Gilardoni Luigi nel 1871.

L’edificio, ristrutturato poi internamente nella divisione degli spazi, non è mutato nelle sue caratteristiche architettoniche esterne.

Oggi il negozio presenta all’interno un reparto pasticceria e un settore dedicato alla vendita del pane, da sempre produzione artigianale propria, a riprova e testimonianza delle origini da cui prese inizio l’attività dell’azienda e di cui s’intendono conservare radici e storia.

VALORI

Uno dei punti fermi degli eredi Gilardoni e stato mantenere l’autenticità dei prodotti che hanno attraversato così più di un secolo: le antiche ricette scritte e custodite sono le stesse di oggi, nessun componente è stato cambiato, nessun additivo aggiunto. La vecchia impastatrice, le mani sono le stesse da molto tempo, oggi come allora. I dolci più antichi si presentano inalterati nella ricetta e nella lavorazione, offrendo l’equilibrio del profumo e del gusto di molti anni fa.

Nuove ricette sono state naturalmente aggiunte alla produzione di dolci, rigorosamente realizzati con ingredienti genuini e di prima qualità. In nessun prodotto sono aggiunti additivi chimici di alcun genere.

ALCUNE TRA LE PIÙ ANTICHE RICETTE DEL LABORATORIO GILARDONI:

TORTA GRIGNA

Alla Grigna, aspra e bella montagna del lago, è dedicata la torta più famosa e apprezzata della pasticceria Gilardoni. L’aspetto apparentemente semplice nasconde in realtà una fragranza di profumo di nocciole, mandorle e burro che la rende inconfondibile.

Le rocce e la neve delle montagne fanno eco a questa torta dall’impasto scuro, spruzzata dal bianco zucchero a velo, fusi in uno strato dal gusto irresistibile.

La ricetta “segreta” e “autentica” di questo dolce, antica da più di ottanta anni, è custodita nel laboratorio della pasticceria che vanta la fama della produzione della “vera torta Grigna”.

La torta Grigna Gilardoni ha vinto il premio”Artigiano radioso Expo dei Sapori 2005”.

Panettoni, Veneziane e Colombe

Si può ritenere che la coltura di lieviti per la produzione di panettoni, veneziane e colombe risalga all’inizio dell’attività di produzione di dolci del laboratorio Gilardoni. Attraverso il continuo rinnovo del lievito madre originario, la coltura dello stesso ceppo di lieviti non si è mai interrotta da più di cento anni.

La lavorazione del lievito madre è una delle ultime e vere arti in pasticceria perchè richiede una particolare cura, attenzione e soprattutto esperienza, tramandata anche oralmente attraverso più generazioni.

Il risultato nei panettoni, veneziane e colombe Gilardoni è leggerezza, profumo, digeribilità.

BISCOTTI ESSE

I biscotti “Esse” sono i tra i dolci più antichi della nostra pasticceria. Fin da inizio Novecento erano sfornati, confezionati in scatole di latta e distribuiti settimanalmente a tutti i paesi del lago. Già allora i turisti, attratti dalle meraviglie del Lario, gustavano e apprezzavano la bontà di questi frollini.

AMARETTI

Questi deliziosi amaretti sono un dolce antico e speciale: sono prodotti esclusivamente con armelline, mandorle di albicocche e pesche, dall’aroma intenso e il sapore amaro. Nascono da un’antica ricetta, originale e poco diffusa che si discosta da quella più nota del classico amaretto conosciuto in tutta Italia. Una ricetta che affonda le sue radici nel 1700, raccolta dai nostri trisnonni e proposta inalterata fino ad oggi.

BISCOTTI MEINI

La nostra pasticceria propone la versione in biscotto dell’antico “pan de mej” un caratteristico dolce della tradizione lombarda a base di farina di mais (una volta di miglio) e fiori di sambuco. Nel giorno di San Giorgio, 23 aprile, quando le piante di sambuco sono in piena fioritura, si stipulavano i contratti tra gli allevatori e i lattai, e la tradizione vuole si festeggiasse con panna fresca e meini.

Anche oggi l’abbinamento consigliato con questo dolce è crema di latte, panna o semplicemente ma gustosamente con un bicchiere di latte fresco.

I nostri Meini hanno vinto il premio”Artigiano radioso Expo dei Sapori 2004”.

BRIZZOLANO

Fatto con pasta di pane dolce e uvette, con la forma di piccola ciambella che i bambini potevano infilarsi nel braccio. I nostri clienti più anziani lo ricordano come il dolce della loro infanzia.

Panificio Troian di Troian Liviana & Luciana S.n.c.

Le sorelle Luciana e Liviana Troian conducono il negozio di Panificio e Pasticceria dal 1992 anno in cui gli anziani genitori Troian Gino e Ottolina Teresa lasciarono nelle loro mani la completa attività. Il negozio di Panificio e Pasticceria fu ideato e realizzato nel 1913, quindi passò alla Sig.ra Angelina e infine fu rilevato dai Troian nel 1960. Abbiamo un attestato comunale di negozio storico con relativa targa consegnataci dal Sindaco Sig.ra Letizia Moratti ad Aprile 2010, ed un attestato regionale, sempre di negozio storico, consegnatoci dal presidente regione Lombardia on. Roberto Maroni a Luglio 2013. Ispirato a principi di qualità, il panificio offre prodotti di panetteria, dolci e pasta fresca ad un giusto prezzo, confezionando anche pani e torte su richiesta del cliente, per catering ed eventi.

Cosa si può trovare nel negozio delle sorelle Troian
L’evoluzione gli stili di vita ha richiesto un restyling dei prodotti da forno fortemente tradizionali, la produzione classica viene oggi affiancata da:

(Settore pane)
-Panfocaccia sagomato a treccia
-Pandizucca con zucca, semi di girasole e farina “00”
-Pandisegale
-Pane con uvetta
-Pane ai cereali
-Pane cacio e pepe
-Pane a lievitazione naturale
-Pane pagnottelle e bastoncini con olive
-Pane con noci
-Focacce di tutti i tipi semplici e farcite
-Farinate di ceci e di castagne

(Settore dolci)
-Pan meino (Farina “00” e granoturco)
-Strudel con marmellata, cioccolata, mele senza uova e senza burro
-Crostate di marmellate
-Prodotti per intolleranti alla farina
-Canestrelli

(Settore pasta fresca)
-Gnocchi di patate
-Ravioli di zucca, spinaci e ricotta
-Orecchiette
-Trofie