Confezioni Castelli

L’idea dell’attività “Castelli Carlo” nasce dai suoceri del titolare, ambulanti di abbigliamento e merceria, che decidono di dare questa opportunità al genero e alla propria figlia ritirando la licenza commerciale dell’allora Sindaco di Zanica Pandini.
Carlo Castelli, titolare, e sua moglie, Teresa Provenzi, che è sempre al suo fianco, cominciano così il 2 novembre 1955 a gestire un negozio di abbigliamento uomo donna, tendaggi, biancheria intima, merceria e filati, arredo casa, in via Roma, quando ancora il credito vantato verso il cliente si segnava sul famoso “libretto” e a fine mese si riscuoteva!
Nel 1971 l’attività viene trasferita in via Libertà 46, sempre a Zanica e, approfittando dei locali più ampi, viene introdotta (inizialmente in via sperimentale) anche la vendita di pellicce, capi in pelle, capi spalla di montone e scamosciati, tappeti pregiati. L’esperimento funziona e, i clienti cominciano ad arrivano anche dai paesi limitrofi.
Col “passaparola” servono rinforzi e ai coniugi Castelli si affiancano i cinque figli.
Gli anni Settanta sono caratterizzati da notevoli difficoltà, soprattutto per il susseguirsi di furti o tentativi di furto (ben 13 nel lontano 1979), ma nonostante tutto i coniugi Castelli, e i loro figli, continuano ad ampliarsi e ad investire tempo e denaro nell’attività. Così ad agosto del 1980 si trasferiscono in via Padergnone 28, dove viene costruito un caveau blindato, per conservare durante l’estate le pellicce dei clienti, accontentando chi chiedeva servizi quali la custodia delle pellicce e dei capi importanti, a cui si affiancano servizi come le riparazioni e le manutenzioni dei medesimi capi.
Nel 1983 apre un secondo punto vendita nella città di Cremona, poco dopo ceduto.
Dal 1989, è il figlio Pietro – attuale proprietario, aiutato dalla sorella Carla, a continuare l’attività e dedicare risorse ed energia allo sviluppo del settore pellicceria e pellami, offrendo ai clienti affezionati un’offerta ampia: la pulitura, le riparazioni, le rimesse a modello e le custodie estive dei capi pregiati.
Nel 2000 la ditta si trasforma in “Confezioni Castelli sas di Castelli Pietro e C.”, ma la sostanza non cambia: qualità e made in Italy restano due punti saldi di questo negozio.

Fumagalli Adolfo

Nel 1929 Adolfo Fumagalli apre bottega in corso Garibaldi 25, con l’insegna Moda Torinese, avente per oggetto l’attività di commercio al minuto di confezioni per signora.

È l’epoca di Torino capitale della moda italiana e da questo trae origine il nome storico dell’azienda di famiglia Fumagalli che si tramanda da padre in figlio fin dall’anno di apertura della bottega.

Per una serie di vicissitudini, i Fumagalli sono costretti a trasferire più volte l’ubicazione del negozio, prima al civico 32, poi al 26 ed infine al n.89/91, sempre in corso Garibaldi dove, col passare degli anni, l’attività di sartoria su misura, viene svolta dai figli Francesco ed Ottavio che rappresentano il ricambio generazionale e che la trasformano in pellicceria.

Negli ultimi anni, nella Milano degli stilisti, la Moda Torinese tiene alta la sua bandiera, grazie ad Adolfo Fumagalli, nipote dei fondatori, che ha continuato la tradizione di famiglia: confezionare pellicce in modo artigianale con elevata professionalità, prestando particolare attenzione alle tendenze della moda e, al tempo stesso, tenendo nella massima considerazione le specifiche esigenze delle clienti.

Ogni capo d’abbigliamento infatti viene confezionato su misura ed è intriso dell’amore e della gioia di tutti coloro che con appassionato lavoro e assoluta competenza lo hanno realizzato.

Sono trascorsi ottant’anni dall’apertura della bottega da parte dei fondatori coniugi Fumagalli e, oggi come allora, il motivo conduttore è: tutti sono capaci di vendere pellicce, ma davvero pochi sono in grado di confezionare capi personalizzati.

Nel punto vendita è altresì reperibile un adeguato assortimento di moda pronta: non solo pellicce ma anche impermeabili foderati, cappelli e bordure.

E se uno ha già la pelliccia, può portarla qui per la pulitura e la custodia estiva e inoltre, se il capo ha bisogno di riparazioni o di rinascere grazie a una messa a modello esperta, Adolfo Fumagalli garantisce una seconda giovinezza anche alle pellicce più vissute, trasformabili in fodere per caldissimi impermeabili.

Lagori Francesco S.a.s.

Durante gli ultimi tragici strascichi della seconda guerra mondiale, Francesco Lagori a causa di una malattia contratta durante la campagna di Grecia e Albania venne congedato e appena approdato a Milano, il 6 Aprile 1944 costituì una ditta individuale, che si occupava di vendita e riparazione di capi di Pellicceria.

Nella piccola bottega con abitazione sul retro svolgeva la sua attività di artigiano pellicciaio, per consegnare i capi finiti in laboratorio il giovane Francesco si spostava in bicicletta dovendo fare attenzione alle bombe.

Finita la guerra grazie alla dedizione e alla professionalità maturata l’ attività inizia a lavorare con ritmi frenetici e in poco tempo il piccolo laboratorio diventa un negozio di tutto rispetto.

Il primo Settembre 1950, la ditta Lagori con delibera del Consiglio Nazionale dell’ Associazione italiana Pellicceria, viene insignita, “per riconosciuti requisiti di capacità, serietà e attrezzatura del Marchio Professionale N° 88”.

Negli anni del boom economico il sogno di tutte le donne è avere una pelliccia e la ditta Lagori è tra le preferite dalle signore milanesi.

Nel 1951 vennero assunti i primi dipendenti e in seguito Francesco Lagori venne affiancato dai figli Cinzia e Agostino, che dopo anni passati a imparare l’ arte del mestiere dal 1 Gennaio del 1979 diventarono collaboratori dell’ Impresa.

Il primo Gennaio del 1987, dopo 43 anni di duro lavoro e dopo aver conseguito numerosi premi, medaglie, diplomi di merito professionale e attestati di benemerenza (su tutti, “L’ Ambrogino d’Oro” del 1984), Francesco cede a Cinzia e Agostino l’azienda.

In seguito l’11 gennaio 1999 Agostino venderà la sua quota societaria a suo nipote Simone Orlandi. È in questo periodo che anche grazie al nuovo entusiasmo portato da Simone il negozio si allarga aumentando la superficie di vendita, vengono dati diversi riconoscimenti a livello istituzionale e l’attività si specializza anche nella vendita di oreficeria e gioielleria.

Attualmente la ditta viene gestita da Cinzia Lagori e da suo figlio Simone Orlandi portando avanti la tradizione, la professionalità e la passione di sempre.

L’azienda, a conduzione familiare, è stata ricoperta di targhe prestigiose, il duro lavoro è testimoniato dalla presenza nei locali di strumenti antichi come vecchie macchine da cucire a pedale e i ferri da stiro in ferro. È interessante notare la presenza di camerini curati nei minimi dettagli. Ampi specchi con cornici dorate, poltroncine in velluto ricreano un’atmosfera sofisticata e lussuosa, ambiente ideale per indossare i magnifici capi di alta moda.

Fra i prodotti offerti:

• Pellicce di ogni genere e personalizzabili

• Giacche e impermeabili con vasto assortimento di tessuti e colori realizzabili con rifiniture e interni in pelo

• Accessori d’ abbigliamento: cappelli, guanti, borse, pochette, fasce, sciarpe, colli e molto altro ancora

• Arredamento: su richiesta realizziamo cuscini e coperte in ogni tipo di pelo abbinato a qualsiasi tessuto

• Oreficeria

• Gioielleria

• Borse in pelle

• Borse in pelle di struzzo

• Guanti

• Maglioni in cashmere (anche con bordi in pelo)

• Vestiti e magliette di alta moda per la stagione estiva

Dellera S.r.l.

Correva l’anno 1885 e a Pavia nasceva la pellicceria Dellera, fondata da Mattia Dellera e Carlo Lanzani Dellera.

Il negozio, inizialmente, era specializzato nella fabbricazione di tomaie per scarpe e cinghie di trasmissione, ma dopo breve tempo ecco comparire le prime pellicce. Alla fine del XIX secolo nasce la prima pelliccia “Dellera” ed appare anche il catalogo per la vendita per corrispondenza “Dell’era Mattia 1899-1900”. Con gli anni la produzione si concentra unicamente sulla moda: alla pellicceria si affianca presto anche la produzione e la vendita di pelletteria di altissima qualità con borse, valigie, cinture. La pellicceria Dellera diventa sinonimo di tradizione, di sapiente lavoro artigiano e di intraprendenza.

Arriva il 1930 e il primo passaggio di generazione.

La tradizione viene portata aventi dal figlio di Carlo, Tino Dellera, che non solo raccoglie l’eredità paterna ma apre nuovi rapporti commerciali con gli Stati Uniti, avvia un’importante collaborazione a Parigi con Revillon e apre nuovi negozi a Cremona e a Roma in via Condotti. Nel 1937 la pellicceria Dellera inaugura la sua boutique a Milano.

Nel 1941 Tino disegna e brevetta, per i soldati italiani destinati al fronte russo, un “pastrano munito di pelliccia interna e con grandi polsi risvoltabili ed abbassabili evitanti il bisogno dei guanti”. Terminata la guerra, arrivano gli anni cinquanta e Tino viene affiancato dal figlio Giancarlo.

Giancarlo, raccogliendo la passione paterna per i viaggi e gli scambi commerciali con l’estero, fonda in Canada un centro di raccolta di pelli per aggiudicarsi le pelli migliori. È il tempo del boom economico in Italia. La collezione Pellicce Alta Moda di Dellera vede tra i suoi affezionati clienti persone di grande visibilità come Liz Taylor mentre nel 1968 viene inaugurata la linea Boutique: Giancarlo da vita ad una collezione completamente innovativa di pellicce giovani con un prezzo molto contenuto alla portata di tutte le donne.

Intorno al 1980, a Giancarlo si uniscono i due figli: Andrea, a cui vengono affidati gli acquisti e l’amministrazione della società dopo un anno di tirocinio trascorso in Canada all’Hudson’s Bay Company dove impara tutto quello che c’è da sapere sulle pelli e Gigliola che si occupa della pubblicità, dei rapporti con la clientela e soprattutto della collezione, divenendo fedele custode degli annali che racchiudono 130 anni di moda in pelliccia.

Nel 1984 nasce la collezione Dellera Promotion: una collezione dai modelli classici nel gusto e dalle linee molto sobrie dedicata alle aziende, al mercato della promozione e del regalo d’affari; nello stesso anno Dellera annovera fra le sue clienti famose Liza Minnelli e crea una collezione con Enrico Coveri.

Ancora oggi Dellera é sinonimo di qualità e di eleganza. Ancora oggi Dellera ha il vanto di vestire donne di ogni ceto sociale con capi sempre al passo con i tempi. Ancora oggi Dellera può vantare fedeli clienti alla terza generazione.

Dellera, firma conosciuta nel mondo della moda da più di 100 anni, affianca alla collezione di pellicce gli accessori più glamour. Impermeabili imbottiti con finiture di pelliccia, borse, cappelli, sciarpe, stole, coprispalle, mantelline, ponchi, bijoux di pelliccia realizzati nei materiali più innovativi sul mercato.

Un accenno a parte merita la linea di accessori per la sposa e la cerimonia con una ricerca meticolosa di quel qualcosa in più di unico e particolare.