Taverna 800

Il Ristorante Taverna 800 si trova in un edificio storico, risalente alla fine del 1700 e inizio del 1800, nella frazione di Mazzoleni a Sant’Omobono Terme.

Nel 1930 Giuseppe e Giuseppina Mazzoleni acquistarono l’edificio dalla famiglia del pittore Vittorio Manini e iniziarono a gestire l’osteria che allora si chiamava Trattoria “Sant’Omobono”.

Osteria per i residenti, dove poter giocare anche a carte e pensione con ristorante per i villeggianti giunti a Sant’Omobono Terme per sottoporsi alle famose cure termali.

I piatti serviti erano quelli della tradizione: minestroni, pasta e fagioli, bolliti, stracotto…

La famiglia Mazzoleni in quegli anni gestì anche l’unico negozio di tessuti della valle, nell’edificio attiguo.

Nel 1948 l’attività passò al figlio Umberto Mazzoleni.

Nel 1960 Umberto e la moglie Fernanda, decisero di dare una svolta all’impostazione del locale, partendo dal nome, che divenne “Taverna 800”.

Umberto diede un’impronta caratteristica, curata e personale al ristorante.

Fu lui a ristrutturare personalmente i locali, decorò le pareti con i suoi dipinti, raccolse pentole di rame, arredi e utensili che richiamarono l’atmosfera del secolo passato.

L’ambiente particolare attirò persone da Bergamo, Milano e province.

La moglie Fernanda si dedicò con grande passione alla cucina, proponendo piatti che ancora oggi sono rimasti nella memoria dei clienti: il vitello in crema di noci, il brasato di manzo, la selvaggina, i funghi e il tiramisù.

Umberto, nel frattempo, sul grande camino cucinava capretti e costate alla brace.

Dal 1998 troviamo in cucina il figlio Mirko Mazzoleni, al cui fianco lavora ancora la mamma Fernanda.

In sala la moglie Monica.

La terza generazione si caratterizza dal desiderio di mantenere quanto fatto da Umberto e Fernanda, dando anche la loro impronta.

Gli interni vengono alleggeriti, ma raccontano ancora la storia di un paese e di una famiglia, quella dei Mazzoleni che, ormai da tre generazioni, gestiscono questo locale.

Famiglia che ama la buona cucina e che vuole condividerla con i propri ospiti, in un’atmosfera intima, curata e rilassante.

Mirko mantiene piatti della tradizione, rivisita in chiave moderna ricette tradizionali, propone piatti innovativi e a base di pesce.

La sua cucina è improntata alla cura nella scelta delle materie prime e nel preparare tutto ”in casa”: pane, paste e dolci.

Durante la stagione primaverile ed estiva c’è la possibilità di cenare in terrazza, luogo romantico dove ammirare la piazzetta del centro storico.

La Tavernetta S.a.s. di Niccoli Elio & C.

Il ristorante ‘La Tavernetta da Elio’ è una bottega storica del Comune di Milano e appartiene ai ‘negozi storici’ riconosciuti dalla Regione Lombardia.

Il locale è situato a pochi passi dal Teatro alla Scala, dal Duomo, dal Castello Sforzesco e dai più noti musei ambrosiani, nonché adiacente a Via della Spiga, Via Montenapoleone e Via Manzoni che, insieme a Corso Venezia, formano il Quadrilatero della moda, il quartiere più celebrato e visitato del capoluogo, con i negozi più esclusivi, il meglio per lo shopping con le grandi firme dell’alta moda, le gallerie d’arte e gli antiquari.

Situato così in pieno centro storico, il locale offre un’occasione di ristoro ideale per chi voglia sostare nella zona più interessante della città.

Fondato nel lontano 1957 da Elio, è tuttora di proprietà della stessa famiglia Niccoli, che di padre in figlio, continua la conduzione dell’attività nel segno della tradizione.

Il locale offre da oltre 50 anni il meglio della Cucina Toscana, attraverso un lavoro di recupero dei suoi sapori semplici ed esaltanti con l’utilizzo rigoroso di materie prime di eccellente qualità.

È una cucina ‘della memoria’ che si propone di far conoscere alla città i piatti che hanno reso famosa la Cucina Toscana nel mondo, con una particolare attenzione a quelli oggi dimenticati e introvabili altrove.

Tra i piatti tradizionali potrete trovare: la Ribollita, il Minestrone di Farro (il primo ristorante a portare il farro a Milano, presente già dal 1976), la Panzanella, le Corde di Chitarra alla mi’ maniera, la Pappa al Pomodoro, l’Acquacotta coi funghi porcini, la Garmugia, la Buttera, i Testaroli della Lunigiana, la Tagliata di Chianina, il Peposo, la Costata all’Antica, il Lampredotto, la Schiacciata di Chianina, il Tonno del Chianti, le Rovelline Lucchesi, i pregiati Fagioli di Sorana e naturalmente la famosa Bistecca alla Fiorentina.

In omaggio alla tradizione gastronomica Milanese sono presenti nel menu anche: i Nervetti con la cipolla, il Risotto giallo alla Milanese, l’Ossobuco, la Costoletta di vitello alla Milanese e i Mondeghili (polpette).

Pasta e dolci sono rigorosamente fatti in casa e ottima è la selezione dei vini con prevalenza dei migliori toscani.

Immancabile il digestivo classico di Livorno: il Ponce alla Livornese.

Il menù varia quotidianamente e si basa sull’utilizzo delle materie fresche di stagione .