Crespi

All’età di 11 anni Angelo Gaetano Enrico Crespi, conosciuto come “Ricuèn” (Enrico), rimane orfano del padre Carlo, abile ciabattino che confezionava anche scarpe su misura.
Enrico, il maggiore di cinque fratelli allevati dalla madre Rosa, va presso un amico del padre, anche lui ciabattino, ad imparare il mestiere.
Dà lì inizia una lunga generazione di commercianti di calzature. Enrico, sposatosi nel 1909 con Anna Colombo di Castellanza, dopo la nascita di due figli decide, nel 1912, di avviare una rivendita di scarpe, acquistate da fabbricanti della zona, e apre un negozio in via Cavour angolo via Cardinal Tosi. La famiglia cresce: arrivano altri due figli e l’attività prospera. Alla fine degli anni Venti acquista in Piazza San Giovanni un vecchio immobile, dove si trovano la scuola “Teresen”, un asilo privato, e una cooperativa alimentare. Abbatte il caseggiato e, nel 1932, a fronte di enormi sacrifici e risparmi, ecco pronta l’attuale casa dove trasferisce l’attività, aiutato dalla moglie e dai figli maschi Carlo e Guglielmo. Carlo sceglierà di continuare l’attività, mentre Guglielmo aprirà un nuovo negozio di calzature.
Nel 1982 Carlo cede l’attività al figlio Pierluigi, che nel 2009 la passa a sua volta alla figlia Serena: è la quinta generazione che opera nel mondo delle calzature.

RAGAZZONI

Ragazzoni Ragazzoni_1 L’attività di Corso XXV Aprile 125 a Erba, ha origine alla fine degli anni Trenta.
La “bottega” aperta da Giovanni in Via Vittorio Emanuele 45 (ora Corso XXV Aprile) nasce principalmente come ombrelleria e cappelleria, vendita di guanti, valigeria, articoli regalo, assortimento tele cerate, riparazioni.
Nel corso degli anni si inserisce la vendita di oggetti di uso comune e delle mode dell’epoca come borse, porta spiccioli, bastoni da passeggio, fino al 1950, quando Giovanni si ritira, lasciando il negozio al figlio e a sua sorella, rinomata modista di cappelli. Nel 1952 l’attività viene ceduta ad una collaboratrice della figlia che si è trasferita dopo il matrimonio, e spostata in zona stazione di Erba con nome Luini.
Nel 1962 la signora Ragazzoni riprende l’attività in via Volta sempre mantenendo l’insegna Ragazzoni e, a distanza di tre anni, si trasferisce nella Galleria del Centro Commerciale (attuale sede) per anni considerata “salotto di Erba”.
Insieme ai figli continua a far crescere il suo negozio fino alla pensione, nel 1994, quando cede l’attività ai figli.

Fratelli Sanvito di Sanvito Renato e C. S.n.c.

La ditta F.lli Sanvito S.n.c. nasce nel 1938 come bottega artigiana quando il fondatore, Carlo Sanvito, apre il negozio e comincia l’attività di artigiano nel ramo calzature.

Nel corso degli anni la ditta si trasforma e da attività prevalentemente artigianale assume una caratteristica più commerciale, cominciando una meticolosa ricerca di prodotti esclusivi e di alta qualità che danno un’impronta molto caratteristica alla ditta stessa.

Nell’anno 2002 riceviamo dalla Camera di Commercio di Milano la medaglia d’oro per la professionalità e serietà dimostrate in lunghi anni di attività.

Dall’anno 2006 siamo inseriti nell’Albo delle Botteghe Storiche della città di Milano, riconoscimento della nostra realtà di tradizione familiare profondamente radicata nel tessuto metropolitano, che ha saputo mantenersi al passo con i tempi rinnovandosi continuamente e che oggi guarda al futuro.

Nel nostro negozio oltre alla vendita al dettaglio e all’ingrosso di articoli per calzature, piccola pelletteria, calzature come Birkenstock e Havaianas, svolgiamo anche altre attività: dal 2008 sviluppiamo e produciamo articoli personalizzati per numerosi stilisti e li esportiamo in tutto il mondo.

Siamo importatori e distributori esclusivi per l’Italia dei prodotti Saphir Medaille d’Or.

Quest’anno abbiamo aperto una finestra e-commerce, una nuova opportunità per chi abitando fuori Milano avrà la possibilità di acquistare i nostri numerosi articoli esclusivi e per noi di farci conoscere anche al di fuori della zona dove siamo già ben noti ed apprezzati.

La nostra Bottega Storica è profondamente radicata nella cultura della città di Milano e del quartiere, è un luogo di scambio, di commercio e di vita. Un luogo unico in cui si incontrano cordialità e professionalità.