Quando il farmacista era anche un po’ dottore

Il dottor Giorgio Benzi diventa il titolare della farmacia Ponte Seveso nel 1973. Ha studiato Farmacia a Pavia, perché a Milano, sua città natale, non esisteva ancora quella facoltà.
Il praticantato l’aveva fatto col precedente proprietario che l’aveva poi assunto, appena si era iscritto all’albo dei farmacisti.
Sono cambiati i locali, ci sono state un paio di ristrutturazioni, ma è cambiato soprattutto il rapporto con i clienti.

Giorgio Benzi ricorda quando durante il praticantato, i clienti si sedevano a turno su una vecchia poltrona divanetto, per ricevere le indicazioni del farmacista.
“Il farmacista stesso – racconta – provvedeva in alcuni casi ad applicare direttamente sul dente dolorante del cliente, il laudano, che allora non era considerato uno stupefacente”.

Di quei tempi restano il mortaio, il pestello e una piastra con cui si preparano ancora prodotti galenici in pomate, polveri o in soluzione oltre ai ricordi di chi abita vicino alla Stazione Centrale di Milano, dove si trova questa Farmacia.